Home
Sabato 01 Ottobre 2016
 
 
Benvenuti

Logo Vicenza Benvenuti nel sito

del

Gruppo Artiglieria da Montagna "Vicenza"

 


 

 

 

Gli ultimi articoli pubblicati  li trovate sulla colonna di destra nel riquadro ultimi inserimenti.

NOTA: per ricercare nomi all'interno dei testi puoi usare la casella che si trova in alto a sinistra. Se invece cerchi nomi all'interno delle gallerie fotografiche, devi prima entrare in Home Fotoarchivio e digitare il nome nell'apposita casella di ricerca.

 
Raduno Nazionale 2015 Stampa E-mail

RADUNO NAZIONALE DEL 2° REGGIMENTO ARTIGLIERIA DA MONTAGNA

Gruppi Asiago - Verona - Vicenza

Dossobuono (VR) 26/28 giugno 2015

VENERDI' 26: Arrivo partecipanti

SABATO 27: Arrivi - In mattinata visita a Borghetto sul Mincio, pranzo nella baita del Gruppo Alpini di Valeggio e visita alla cantina di Lugana. Prenotazioni e info al 333 2121999 - In serata concerto di cori

DOMENICA 28: ore 9.00 ammassamento, sfilata per le vie di Dossobuono, Santa Messa e deposizione di corone ai monumenti ai Caduti. A seguire rancio a cura del Gruppo Alpini di Dossobuono

 

Il gruppo mette a disposizione 20 brande nella baita. Possibilità di sosta per camper e tende presso la baita. Tel. capogruppo Claudio Bodini 347 2389618

 
Grande Guerra - Sepolti nel Sacrario di Pocol Stampa E-mail

 

Grazie alle ricerche de "Il Fronte Dolomitico" possiamo pubblicare l'elenco dei Caduti del 2° Reggimento sepolti nel Sacrario Militare di Pocol, nei pressi di Cortina d'Ampezzo.

Per ogni Caduto vengono riportati: cognome e nome, luogo di esumazione, data di morte e numero di tomba.

 

Leggi tutto...
 
Settanta anni fa... Stampa E-mail

Mario Caltran, primo a sinistra

Nel settantesimo anniversario della ritirata di Russia, con grande piacere pubblico il commosso ricordo di Silvio, figlio del Reduce Mario Caltran della 20ma batteria.


Verona, 17 gennaio 2013


La sera del 17 gennaio 1943 – settant'anni fa – mio padre lasciava la linea del fronte sul Don, insieme agli altri artiglieri della 20ma batteria. Iniziava la lunga marcia degli Alpini verso ovest, il sanguinoso calvario che costò la vita a 40.000 ragazzi di vent'anni (l'età dei nostri figli!), caduti combattendo, morti per il gelo o periti in prigionia.


Quante volte ho visto papà abbassare il viso e i suoi occhi diventare lucidi ricordando la tragedia di quei giorni. Quante volte ho sentito la sua voce romper-si, per il groppo che gli saliva in gola, mentre raccontava ciò che aveva vissuto e visto durante la ritirata.
Se fosse ancora qui con noi, questa sera, dopo cena, seduto nel suo angolo di sofà e scuotendo il capo esordirebbe più o meno così: «Setanta ani fa, come ancò…». Settant’anni fa, come oggi, «…il tenente Tranquillini passò parola agli uomini della batteria, ordinando di tenersi pronti a partire da un momento all'al-tro e di prendere con noi solo lo stretto necessario; ci disse di prepararci al peggio e di stare uniti, a tutti i costi...».

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2
 
Top! Top!